poesia poesie

 

a volte

 

 

a volte
tra le braccia della notte
scendo
sono voli senza ali
dirupi senza fine
scale senza pioli
rapide di fiumi
rovine
sono abissi e sospiri
neri mantelli
maschere coltelli

 

squassano membra
torcono ventri
lasciano sgomenti inconsolabili

 

a volte
tra le ali del mattino
salgo
soffitto di cieli
pergole di gelsomino
paradiso stupefatto
sono colombe
e spose
dame e piume
ed e' come se mi svuotassi
pieno di me'
sopra un letto di rose
come se il bimbo bianco
nel suo pianto
m'inondasse
del suo morbido budello

 

 

 

poesia successiva  poesia   pagina iniziale 

 

 

www.binario2.it     mappa del sito     contatti      copyright     privacy